Contenuto principale

Messaggio di avviso

MENSA

                                          Ai genitori degli alunni che usufruiscono del servizio mensa

Verdellino, 3 novembre 2017

Oggetto: Menù scolastico invernale 2017/2018

Si pubblica il menù scolastico Invernale (novembre/manzo)  della Ditta Siarc Ristorazione vistato dalla ATS di Bergamo e trasmesso dall'Ufficio Servizi Scolastici del Comune di Verdellino.

 

                                                                                      IL DIRIGENTE SCOLASTICO

                                                                                             Prof. Eugenio G. MORA

Pubblichiamo le tabelle dietetiche invernali ed estive relative al servizio mensa per l'anno scolastico 2016/2017.

Sulla tabella dietetica vidimata è presente il QR code, simbolo che, tramite l'uso dello smartphone o di altri dispositivi, consente di collegarsi al sito della ristorazione scolastica dell'ATS di Bergamo.
Tramite questo strumento le famiglie potranno acquisire utili informazioni relative alla ristorazione scolastica.

Allegati:
Scarica questo file (Tabelle menù mensa.pdf)Tabelle menù mensa.pdf750 kB

A livello comunale è operante la Commissione Mensa, della quale fanno parte, oltre che i Responsabili designati dall’Amministrazione Comunale, referenti dell’ASL di Bergamo ed il Gestore della Ditta che eroga il servizio, anche rappresentanti dell’Istituto Comprensivo e dei Genitori degli alunni

Si ricordano brevemente i compiti della Commissione, rimandando per una più completa informazione alla “DISCIPLINA DELLA COMMISSIONE MENSA SCOLASTICA”, documento consultabile in questa stessa sezione del sito.

Come previsto dall’Art. 2 di questo Documento, la Commissione Mensa esercita nell’interesse dell’utenza, di concerto con l’Amministrazione Comunale:

- un ruolo di verifica della qualità del servizio di refezione scolastica che interessa in particolare le condizioni igieniche dei locali e la accettabilità dei pasti, anche attraverso schede di valutazione opportunamente predisposte;

- un ruolo di collegamento tra l’utenza e l’Amministrazione Comunale, facendosi carico di riportare le diverse istanze che perverranno dall’utenza stessa;

- un ruolo di consulenza per quanto riguarda le variazioni del menù scolastico/il capitolato d’appalto, nonché le modalità di erogazione del servizio

- un modo di promozione di educazione alimentare coinvolgendo quale risorsa l’A.S.L., Ufficio di Nutrizione e degli Alimenti.

 

Comune di Verdellino

DISCIPLINA DELLA COMMISSIONE MENSA SCOLASTICA

approvato con delibera di Giunta comunale n.104 del 10.07.2002

ART.1-Costituzione

La Commissione Mensa è costituita a livello comunale. Vede coinvolti Rappresentanti dell’asilo nido, delle scuole materne, della scuola elementare e media inferiore presenti sul territorio e la presenza di rappresentanti del servizio pasti in mensa e al domicilio destinati ad adulti non autosufficienti e/o in stato di bisogno.

ART.2- Ruolo e Compiti

La Commissione Mensa esercita, nell’interesse dell’utenza, di concerto con l’Amministrazione Comunale:

  • un ruolo di verifica della qualità del servizio di refezione scolastica che interessa in particolare le condizioni igieniche dei locali e la accettabilità dei pasti, anche attraverso schede di valutazione opportunamente predisposte;
  • un ruolo di collegamento tra l’utenza e l’Amministrazione Comunale, facendosi carico di riportare le diverse istanze che perverranno dall’utenza stessa;
  • un ruolo di consulenza per quanto riguarda le variazioni del menù scolastico/il capitolato d’appalto, nonchè le modalità di erogazione del servizio
  • un modo di promozione di educazione alimentare coinvolgendo quale risorsa l’A.S.L., Ufficio di Nutrizione e degli Alimenti.

La Commissione Mensa non ha poteri decisionali in quanto gli stessi competono all’Amministrazione Comunale, nè poteri di controllo igienico-sanitari in quanto gli stessi competono all’A.S.L.

Ogni riscontro conseguente alle verifiche di controllo di competenza della Commissione deve essere prima segnalato all’Ufficio Servizi Scolastici.

Per poter svolgere al meglio il proprio lavoro la Commissione Mensa può attivare percorsi di formazione e/o recuperare materiale didattico coivolgendo come risorsa l’A.S.L. Servizio di Igiene della Nutrizione e degli Alimenti.

ART.3- Requisiti

Requisito indispensabile per essere membri della Commissione Mensa è:

  • l’avere figli utenti del servizio di refezione scolastica (in rappresentanza dei vari servizi educativi:scuole,asilo nido, C.S.E.piccoli, Scuole materne, elementari, medie)
  • operare in qualità di educatori/insegnanti presso le strutture scolastiche citate all’art.1
  • essere utenti adulti

Non sono tenuti al possesso del Libretto di Idoneità Sanitaria in quanto la loro attività deve essere limitata alla mera osservazione delle procedure di preparazione e somministrazione dei pasti.

ART.4- Composizione

La Commissione Mensa è composta da:

  • 1 rappresentante dei genitori per l’asilo nido, proposto dal Comitato di Gestione
  • 1 rappresentante del personale educativo dell’ asilo nido proposto dal personale educativo
  • 2 rappresentanti effettivi dei genitori per ogni plesso scolastico proposti dal Consiglio di Circolo e dai rispettivi Consigli di Istituto
  • 1 rappresentante del personale docente per ogni plesso scolastico proposto dal Consiglio di Circolo
  • 1 referente comunale proposto dal Settore 3°, Servizi sociali, educativi e culturali
  • 1 rappresentante degli utenti adulti del servizio pasti in Mensa e al domicilio

ART.5- Nomina e Durata

La Commissione Mensa, composta secondo le modalità fissate nell’art.4, viene nominata dalla Giunta Comunale sulla base dei nominativi proposti dai rispettivi organi. L’atto di nomina presuppone l’autorizzazione ad accedere, secondo le modalità indicate nell’art.6, nei locali di preparazione pasti e nei refettori.

L’elenco dei membri, sia effettivi che supplenti della Commissione Mensa già indicato all’art.3 e 4 deve essere inviato alle autorità scolastiche , sanitarie e al responsabile della cucina entro 1 mese dalla nomina della Giunta Comunale.

La Commissione Mensa rimane in carica per la durata di 5 anni e comunque per il periodo corrispondente al mandato amministrativo della Giunta comunale, mantenendo l’incarico fino alla nomina della nuova Commissione. I rappresentanti dei genitori i cui figli smettono di frequentare la mensa , e il personale insegnante ed educativo che si trasferisce in altro comune decadono automaticamente. La designazione dei nuovi componenti è effettuata dagli organi competenti entro tre giorni dal verificarsi della causa di decadenza.

ART.6- Funzionamento

La Commissione Mensa nomina, al suo interno, un responsabile con funzioni di di coordinamento e di collegamento con l’Amministrazione Comunale. La convocazione delle riunioni e la verbalizzazione degli stessi è di competenza del Referente comunale proposto dal Settore 3°Servizi Sociali Educativi Culturali.

La Commissione Mensa decide autonomamente il calendario delle attività,i locali in cui effettuare i sopraluoghi, le date delle riunioni ed ogni altra iniziativa di propria competenza.

La visita presso il centro di cottura e/o i refettori deve essere comunicata, anche contestualmente,all’Ufficio Servizi Scolastici.

Di ciascun sopralluogo effettuato,sia nei locali cucina che nei refettori,deve essere redatta una scheda di valutazione da far pervenire, almeno con cadenza mensile all’Ufficio Servizi Scolastici e successivamente discussa nelle riunioni seguenti della Commissione Mensa.

L’Amministrazione si impegna ad individuare all’interno dell’ufficio competente una persona di riferimento allo scopo di raccogliere istanze e rispondere alla Commissione Mensa.

La Commissione Mensa dovrà essere convocata almeno 2 volte per anno scolastico allo scopo di analizzare le istanze raccolte e discutere eventuali modifiche del Servizio stesso; a tali incontri potrà essere richiesta la partecipazione dell’A.S.L., o di altro personale coinvolto nella gestione del servizio.

ART.7- Modalità di comportamento

Durante il sopralluogo i membri della Commissione Mensa dovranno evitare ogni disservizio al normale funzionamento dell’attività lavorativa. In particolare nessun rilievo dovrà essere mosso verbalmente al personale preposto, ma qualunque situazione verificatasi dovrà essere indicata nell’apposita scheda di cui all’art.6.

Non è consentito accedere ai locali cucina nei momenti di massima produzione e preparazione dei pasti (fasi posteriori alla cottura-durante il riempimento e stazionamento dei contenitori).

Il numero di persone che possono accedere ai locali è così determinato:

  • non più di 2 persone per la verifica presso il luogo di preparazione pasti
  • non più di 2 persone per la verifica presso ciascun refettorio

Durante i sopraluoghi non deve esserci alcun contatto diretto col personale in servizio: ogni richiesta o chiarimento andrà rivolta al responsabile del Centro Cottura o al responsabile del singolo plesso.

E’ fatto espresso divieto ai membri della Commissione Mensa di utilizzare i servizi igienici ad uso del personale, nonchè di manipolare alimenti ed attrezzature.

Per gli assaggi dei cibi ed altre verifiche si dovrà chiedere al referente della Ditta incaricata dal comune per la gestione della mensa il quale metterà a disposizione tutto il necessario (abbigliamento e stoviglie usa e getta).

E’ comunque vietato procedere agli assaggi nei locali cucina.

In caso di malattie da raffreddamento, o di natura gastro intestinale, è vietato effettuare sopraluoghi.

ART.8- Norme transitorie

La presente disciplina entrerà in vigore a partire dall’anno scolastico 2002/2003

ART.9- Disposizioni finali

L’ Amministrazione Comunale si impegna a garantire l’applicazione della Disciplina in oggetto, ne da inoltre comunicazione all’A.S.L..e ai servizi interessati.

L’Ufficio Servizi Scolastici provvederà ad inviare a tutti i membri della Commissione Mensa copia del presente regolamento e delle tabelle dietetiche.

Tale Ufficio rimane a disposizione per fornire , su richiesta, ai membri della Commissione Mensa tutto il materiale di supporto ritenuto opportuno, compatibilmente con le esigenze di servizio e nei tempi stabiliti dall’Ufficio.

Ogni modifica alla presente Disciplina può essere proposta dalla Commissione Mensa stessa e/o dall’Amministrazione Comunale.

In tal caso l’Amministrazione si impegna a confrontarsi con la Commissione Mensa per le eventuali modifiche.